Il mio no

Quando il fiscalismo
si traduce
d’ottusità,
e la parvenza
supera il contenuto
decretando il giusto
attraverso stupide regole,
giunge il tempo
dell’addio.
Non mi adeguo,
vedendo ipocrisia,
non mi inchino
a superiorità nascoste.
Come Bertoldo
saluterò,
uscendo di scena,
mostrando le terga
rattoppate e doloranti.

One thought on “Il mio no

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *