Salta al contenuto

La forza della decisione

Si alzo’ nel momento in cui non ebbe piu’ lacrime da versare, la caduta ormai era finita, facendola arrivare a raschiare il profondo dell’anima.
Aveva toccato il fondo e si ritrovava col culo per terra, come si suol dire e, quindi, era in uno di quei momenti che conosceva bene: o abbassava la testa, restando nelle tenebre o la rialzava guardando la luce.
Ci era gia’ passata, dejavu e ricordi annebbiati anche da prozac e cipralex.
Un bivio, una scelta, una moneta da lanciare in aria: se viene testa….
Ma in cuor suo aveva gia’ deciso e la forza della decisione (seppur non alleviava il dolore anzi, paradossalmente, lo aumentava; seppure non toglieva la paura anzi, paradossalmente, ne portava di nuova) lasciava intravedere un infinitesimale squarcio di pace e tranquillita’.
Solo pace e tranquillita’. Semplici cose, che da tanto, troppo mancavano nella sua vita.
Chissa’ come lui avrebbe reagito alla sua decisione, chissa’ a cosa rischiava di andare incontro.
Ma ormai aveva deciso e la forza della decisione divenne la sua forza, perche’ anche la sua scelta, in fondo era una scelta d’amore per se’, per lui…per la propria e altrui vita.

Published inRaccontiRiflessioniScrivere

4 Comments

  1. ci sono decisioni che in cuor proprio si da di dover prendere
    si sa che sono necessarie
    ma che non si riesce a prendere
    perchè sono dolorose
    perchè fanno male
    molto male
    perchè, alle volte, non si ha il coraggio di dire basta…
    hai ragione tu quando dici che bisogna toccare il fondo
    perchè solo dal fondo si può risalire
    e trovare il coraggio di affrontare ciò che fa male
    ciò di cui si ha paura
    già la consapevolezza di sapere che si è fatto ciò cghe si ritiene giusto dona un minimo di pace
    ormai il dado è tratto
    non si poteva fare altrimenti

  2. chao chao

    Non so… Credo che qualcuno riesca a risalire prima del fondo, sia perchè capace ad usare le sue forze, senza dover sfruttare la spinta che viene dall’essersi ritrovati giù a tutto, sia perchè intuisce già da prima di star cadendo in basso.
    Ma è anche vero che la soglia di sopportazione, come quella del dolore, è soggettiva e quindi i pozzi… non son tutti profondi uguale.

  3. E chi lo dice che si prendano decisioni “prima”? Forse magari quelli “bravi” riescono a mascherare meglio “il fondo”.

  4. chao chao

    Hai raccontato in pochi righi una decisione e un momento importantissimi nella vita di una persona.
    Hai centrato una cosa strana: sapere cosa fare, pensare che sia la cosa migliore, non fa stare subito bene, anzi è molto più probabile che faccia stare peggio.
    Della donna in questione mi piace la ferma decisione. E’ vero: arrivare a quello vuol dire aver toccato il fondo.
    Bravo è chi sa prendere decisioni prima di toccare il fondo, chi sa prevedere e risolvere prima di arrivare in fondo al pozzo.
    Costui vive sicuramente di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *