Salta al contenuto

Un commento

  1. chao chao

    Non ho scritto nulla sotto questi versi, nè per “Duplicità”, perchè scrivendo sotto un significato raccolto in poche sillabe mi sembra di snaturare il “lavoro” fatto.
    Ma d’altra parte, il niente… rimane niente e allora, forse posso aggiungere la riflessione che mi è venuta in mente leggendo:
    sia da queste parole che da “Duplicità” viene fuori un’immagine dolcissima, ma io credo di essermi, in qualche caso, abbandonata alle onde del mare e risvegliata sugli scogli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *