Salta al contenuto

Nel genetliaco

Mentre s’aprono
nuove pagine
da scrivere
per questo
nuovo anno di vita,
un invito nasce
dall’anima.
Non porgetemi saluti
e festeggiamenti
non sentiti.
Cio’ che non viene
dal cuore,
inasprisce il mio.
Voci di chi,
per sangue o interesse
ha incrociato il mio cammino,
mi risultano lontane,
inutili;
mentre col fuoco,
redigo l’ennesimo bilancio
d’un anno passato, forse,
ancora poco vissuto.

Published inLe Poesie di BrazirPoesiaRiflessioniScrivere

3 Comments

  1. Condivido personalmente questo tuo pensiero…e puntualmente ogni anno mi capita di notare che certa gente fa finta di non sentire, di non leggere e di non commentare. Si si, proprio come le tre scimmiette 😀

  2. una voce poco presente la mia, ne sono consapevole ma non per questo meno sincera, il cammino che ho incrociato non l’ho abbandonato, solo percorre un percorso momentaneamente parallelo, ma gli auguri più cari vengono dal cuore, non è convenienza, è sincero sentire!
    Buon compleanno poeta!
    Claudia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *