Verso l’estasi

La tua lingua,
sul mio palato,
le tue labbra
serrate alle mie.
Mani vogliose
e vestiti strappati
Occhi chiusi e,
come ciechi,
corpi scoperti
al solo tatto:
viso, collo, spalle,
petto,  seni e capezzoli,
schiena e natiche,
peli bagnati,
la mia erezione
e le tue cosce spalancate:
congiunzione sublime
di due anime gia’ unite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *