Occhi ovattati da nebbia
osservano oltre il grigio.
Rumori indistinti
protetti da spessi vetri
raccontano freneticamente
una vita che non m’appartiene.
Rastrello il mio giardino,
perdendomi nelle sue righe:
esistenze
linearmente complicate

One Comment

  1. chao

    Sarà capitato a tutti di ricordare una frase in particolare, senza capire perchè ha colpito…
    “Rastrello il mio giardino,
    perdendomi nelle sue righe”.
    Ci penserò, poichè devo capire perchè le righe di un giardino mi sono rimaste in mente, la notte scorsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *