Pensavo d’esser
tra signori
e vedo solo
umili quaqqaraqquà
muoversi in fila
verso una direzione
tracciata d’altri.
Alzo il cappello,
m’inchino
e me ne vado,
dove la mente
è ancora libera,
e la bocca pulita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *