Passo di danza,
scivolato e calmo.
Occhi negli occhi,
intreccio di gambe,
di corpi.
Amplesso su note sincopate:
“pensiero triste che si balla”.
Pochi minuti:
una storia d’amore
e non e’ solo
una rosa tra le labbra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *